Leno Landini 's Official Site Music Composer & Harmonica Player - Compositore & Armonicista

     LENO LANDINI - Biografia - armonicista & compositore

Leno è una legenda italiana della armonica ed un eccellente compositore. Attualmente è uscito il  secondo CD “HOWLING SPIRIT” di Leno Landini, una raccolta di percorsi di vita tradotti in musica, dove l’armonica e il piano sono ancora i suoi fedeli alleati. Ha un talento incredibile come compositore e armonicista - sicuramente il più qualificato in Italia se non nel mondo.

Lui è un’armonica solista che spesso accompagna importanti artisti in concerto e nei passaggi in studio o televisivi, (Pippo Baudo, Ron, Tony Esposito, Tiro Mancino, Marina Rei, Nino Bonocore, Lorella Cuccarini, Marcello Cirillo, Pippo Pollina – ex Agricantus, ecc.). Nonché arricchisce la sua esperienza professionale con interventi su colonne sonore, documentari, film e telefilm (“I Grandi Cacciatori”, “Hawkin’s Breed” con Jane Fonda, “Le Donne Non Vogliono Più” di Pino Quartullo ecc.) realizzate anche da conosciuti compositori italiani (Luigi Ceccarelli, Gianni Mazza, Nicola Piovani, Giuseppe Vessicchio, Bacalov ecc).

Ha inoltre frequentato per anni le sale di tutti quei locali romani dediti alle jam sessions e alla musica da vivo (Big Mama, Alexader Platz, Caffè Latino, Classico, ecc.) e ha suonato al festival “Monte di Note” (di Montefiascone) e altri festival.

Ma soprattutto la sua natura solitaria cosi, come fosse uscito da un racconto d’avventura, caratterizza sia la sua creatività artistica fondata sulla ricerca all’interno del suono, in cui viaggi solitari fatti nel nord Europa lo hanno avvicinato a luoghi dove questo strumento è più familiare, e dove, incontrandosi direttamente con grandi artisti internazionali o anche solo con i più svariati appassionati di strada, ha saputo cogliere le originali influenze che lo rendono unico, fuori dalle tendenze di una moda commerciale, consentendogli di nutrirsi di quelle immagini del mondo del nord che egli ha tradotto in molti dei suoi temi musicali. Dedicatosi totalmente alla musica, la sua esperienza non nasce da pedanti studi accademici. Totalmente autodidatta, Leno, a differenza di molti musicisti che usano questo strumento, suona con un suo metodo personale l’armonica diatonica, sfruttando più tonalità contemporaneamente, in modo da raggiungere un’estensione dell’armonia più ampia rispetto all’uso convenzionale, e poter inoltre eseguire frasi melodiche più complesse. Alcune sue armoniche sono anche da lui modificate dalle tonalità originali e rese quindi strumenti unici. Artista eclettico, ha saputo elettrificare il suono dell’armonica (usata in genere acusticamente) ampliando così, attraverso una lunga e approfondita ricerca sull’effettistica, lo spettro delle sonorità e delle timbriche, creando suoni contemporanei e suggestivi, ricchi di magia, in una sorta di contagio continuo tra rock, folk, new age e country progressivo, in cui armoniche dei più svariati calibri, duettano con chitarre elettriche, violini, percussioni, ecc. Per questa sua prerogativa viene considerato il padre dell’armonica elettrica. Questa duttilità, regolata da una personalità ben determinata, consente a Leno di interagire nella storia della musica tradizionale sostenendo performances da “battaglia” e improvvisazioni cariche di emotività (molti si ricorderanno gli anni di musica a piazza di Spagna, a Roma, con il mitico gruppo dei “Wild Way" o come solitario “busker” sulla strada in Italia (vari appuntamenti “on the road” anche al “Ferrara Busker Festival”) e in Europa, così come può suonare perfettamente “acustico” accompagnato dall’orchestra della RAI al Festival di San Remo (Marina Rei, Daniela Colace, Nino Bonocuore), senza che la sua impronta personale vada smarrita.

Il suo primo CD, “Broken Harp”, (ed. Shining Records), lo ha sicuramente stimolato a valutare la ricostituzione di un proprio gruppo con cui reinterpretare dal vivo la sua opera, comprese le più recenti e stimolanti creazioni, così come ha fatto per un periodo con il gruppo dei “Loners”. Alla realizzazione del CD, una raccolta di nove brani cantati dalla sua armonica protagonista, hanno collaborato artisti internazionali (percussioni e batteria: Derek Wilson, basso: Gerard Batrya, volino: Olene Cesarini, chitarre elettriche: Jorge Niessner, e Sandro Ibba, chitarra acustica: Florian Snyder). Ha collaborato anche con un gruppo di musicisti country-rock, “Coda”, con cui ha corealizzato un ulteriore CD, “Halfway to Heaven”, di canzoni inedite tra cui la versione cantata di una sua ballata country “Down the Rapids”.